Alcuni preferirebbero morire, piuttosto che cambiare. Siamo tutti un pò pigri e raramente ci sforziamo davvero, a meno che qualcosa non ci costringa, o che soffriamo a tal punto da entrare in azione. Generalmente, comunque, il dolore è una motivazione più grande del piacere. Quando parliamo di cambiamento, vorremmo sempre fossero gli altri ad attuarli: non noi. Vogliamo che gli altri lo facciano regalandoci così una vita diversa.

Qualsiasi cambiamento deve invece venire da noi stessi.

L’unico modo per cambiare è guardarci dentro e decidere di agire, modificando i nostri pensieri e comportamenti e chiedendoci: “che cosa voglio cambiare nella mia vita?”, “di quali situazioni voglio liberarmi ora?”, e soprattutto: “sono disposto a cambiare ora?”.

E’ l’energia interiore che ci permette di superare le difese e le giustificazioni della mente. Compiere il primo passo è importantissimo…

A ispirarci può essere un libro, un articolo, un corso, un seminario, un incontro, una persona, un’osservazione molto significativa per noi in quel momento. A volte può succedere che, in seguito al nostro cambiamento, la situazione, inizialmente, invece di migliorare, ci sembra che peggiori: è un segno che qualcosa si sta muovendo. Può essere il passato che affiora. Lasciamo che emerga. Dal momento in cui decidiamo di operare un cambiamento, a quello in cui otteniamo un risultato passa del tempo: viviamo una fase di transizione, oscillando fra vecchio e nuovo, è un processo naturale. E’ necessario del tempo per sentirsi forti e sicuri del cambiamento effettuato. Sapere che cosa fare e farlo è ben diverso. Il cambiamento richiede l’azione. Ricordiamoci di gratificarci per ogni passo avanti compiuto, anche il più piccolo. Cerchiamo di usare tutti i mezzi a disposizione per progredire, rassicurandoci e confortandoci. Quando siamo disposti a cambiare veramente, possiamo farcela. Quando accettiamo ciò che non possiamo cambiare e ci impegniamo a cambiare ciò che è nelle nostre possibilitò, siamo già sulla buona strada.

Il primo passo è essere disposti a trasferire l’energia e gli sforzi che prima si impiegavano nel tentativo di cambiare gli altri, per cambiare noi stessi.

Quando si sta veramente cercando di cambiare, non si perde tempo a parlarne. Si è troppo occupati a farlo. Molte persone preferiscono la quiete dello status quo alla sfida del cambiamento, che potrebbe migliorare la qualità della loro vita.

Esistono molti modi per cambiare. Vogliamo veramente cambiare, o preferiamo continuare a lamentarci di ciò che non abbiamo nella vita o per ciò che non siamo? Ciò che manifestiamo con i nostri comportamenti è il riflesso di ciò che proviamo dentro di noi: le nostre convinzioni sul nostro valore, sul nostro diritto a essere felici, su ciò che sentiamo di meritare dalla vita.

Assumersi la responsabilità delle proprie scelte apre a possibilità che sembrano precluse quando ci si considera vittime delle circostanze o degli altri, stimola il cambiamento di abitudini o comportamenti che non ci soddisfano e non ci gratificano più, porta ad abbandonare modi di essere, persone o situazioni che sono diventate troppo strette.

La chiave sta nel trovare il valore positivo che ogni avvenimento, anche apparentemente negativo, nasconde. Il nostro “ego” vive come un affronto gli avvenimenti che percepisce come negativi e, come “accecato”, non riesce a vedere nella situazione alcun aspetto positivo.

Nessuna situazione può essere considerata una sconfitta, un fallimento, se noi riusciamo a cambiare, a vedere anche l’altro lato.

Riconoscere i propri limiti, invece di proiettarli sugli altri, dà la possibilità di avviarsi sulla strada di un cambiamento efficace. Insieme al nostro cambiamento, spesso cambiano anche i nostri schemi di comportamento relazionale, le persone che scegliamo di continuare a frequentare e quelle che lasceremo andare.

Che cos’è che spesso ci trattiene dal cambiare? E’ la paura dell’ignoto. Non lasciate che il timore di allontanarvi da tutto ciò che avete da sempre conosciuto, fatto e vissuto vi impedisca di trasformarvi in una persona più sana, gioiosa e realizzata.

Coltivare l’attitudine al cambiamento ci rende più sereni, più disponibili, più fiduciosi e aperti al futuro.

Ti  auguro il meglio che la vita possa offrirti!!

Ti abbraccio

02Chris